Almanacco del Monte Argentario: Luoghi > Spiagge > Il Purgatorio

 
 
   
Il Purgatorio, maggio 1996.
Foto: Andrea de Maria
 

 
  Il Purgatorio
Questa insegnatura ha un nome poco rassicurante. Da alcuni è chiamata Purgatorio, da altri addirittura Bocca d’Inferno, il motivo di simili appellativi, dal gusto piuttosto tenebroso, non è chiaro, fatto sta che da queste parti è una delle poche spiagge raggiungibili a piedi. Sperando dunque di non incorrere in Arpie o Cerberi, possiamo sistemarci comodamente vicino a questa misteriosa bocca, ignorando del tutto quel signore che cammina incerto su questi sassi farfugliando qualcosa tipo “Poeta fui, e cantai di quel giusto figliol d’Anchise che venne... porc... si scivola in esto loco... che venne di Troia, poiché ’l superbo Iliòn fu... acc... ah!... Splash!!... fu combusto... o ma non v’è appiglio tra ’sti scogli?”.

Per raggiungerlo: giunti alla fine della strada comunale della località La Maddalena, si pecorrono 9,1 Km, dopodichè s’imboca un sentiero in parte ostruito da alcuni massi. Il tratto è lungo e impegnativo (percorremza circa 30 minuti) specialmente nella parte finale dove si raccomanda prudenza.
Venti: esposizione ai venti meridionali (Scirocco e Libeccio).
Carta turistica consigliata: Kompass N° 651, Maremma, Argentario, Grosseto, Isola del Giglio, 1:50 000.
   
 
 
 
 
Bibliografia

Riccardo Bruni:
Il mare in tasca,
Editrice effequ,
Orbetello, 2001.

De Maria, Andrea:
Argentario –
Spiagge d’Autore.
Laurum Editrice
Pitigliano, 1997

Publius Vergilius Maro:
Aeneis.
Brindisi, 29 a.C.
 
 
Riferimenti
online:


Elenco e cartina
delle spiagge
del Monte Argentario


Bimbi & Co:
il Monte Argentario
a misura
di bambino


Copyright
 
   

 
  Vai al sommario  |  Chiudi questa pagina
 
 

Torna a inizio pagina
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
P.A.G.E.
web concept & design
www.pageexperts.com