Almanacco del Monte Argentario: Luoghi > Forte Stella

  Great for Kids!
|
Great
for kids!
|
 
   
 

 
 
   
Pronto a contrastare eventuali attacchi dal mare –
quattro cento anni fa: Forte Stella.
Foto: Gerd Malcherek
 

 
 
  Forte Stella: pirati in vista!
Uno dei forti di avvistamento attorno a Porto Ercole, spesso sede di mostre o esposizioni. Ben restaurato, è l’unico che può essere visitato internamente (gli altri forti sono diventati residenze privati). Forte Stella prende il nome dalla pianta a forma di stella a sei punte.

I bambini resteranno affascinati dall’aria “avventurosa” creata dai grossi muri di pietra interni e dalle piccole finestrelle. Un volo di fantasia pensando alle guardie che facevano la ronda e che, avvistata una nave pirata, facevano poi segnali di fuoco per avvertire gli altri due forti [vedi anche: il Monte Argentario con bambini].

Per gli adulti, una vista mozzafiato da Talamone a Montalto di Castro. La Rocca e Forte Filippo, entrambi ben visibili in lontananza. Si può salire e seguire il perimetro del forte dall’alto delle mura.

Come arrivarci: Prima di entrare a Porto  Ercole, girare a destra e seguire una strada asfaltata a corsia singola per circa 5 km. Dove finisce l’asfalto, ci si trova sotto ad una collinetta in cima alla quale c’è il fortino. Si può lasciare qui l’auto e fare i rimenenti 300 m a piedi; oppure proseguire in auto e parcheggiare proprio sotto il fortino, dove un parcheggio consente la sosta di 6-8 auto.
 
   
 
Riferimenti
Online:


Panorama Forte Stella

Bimbi & Co:
il Monte Argentario
a misura
di bambino


Copyright
 
 
   
 

Storia:
Per circa due secoli il Forte Stella costituì il baluardo più meridionale dell’intero sistema difensivo organizzato dagli Spagnoli intorna a Porto Ercole. Prezioso punto di collegamento tra le torri costiere della parte sud-orientale dell’Argentario e le due grandi fortezze che dominavano il porto, la Rocca e Forte Filippo, era chiamato a contrastare eventuali attacchi o sbarchi dal mare nel tratto di costa davanti all’Isolotto. Le prime indicazioni cartografiche risalgono alle rappresentazzioni dell’Assedio di Orbetello del 1646.
 

 
 
 
 
 
 
Bibliografia

Gualtiero
Della Monaca,
Domenico Roselli,
Giuseppe Tosi:
Fortezze e
Torri Costiere
dell’Argentario,
Giglio e Gianutri.
Laurum Editrice
(senza data di stampa)
   
  Vai al sommario  |  Chiudi questa pagina
 
 

Torna a inizio pagina
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
P.A.G.E.
web concept & design
www.pageexperts.com